• Mondo
  • mercoledì 22 maggio 2019

È stato liberato Alessandro Sandrini

Era stato rapito al confine tra Turchia e Siria nel 2016: lo hanno annunciato i ribelli siriani, sostenendo che fosse nelle mani di una banda criminale

È stato liberato Alessandro Sandrini, cittadino italiano che era stato rapito al confine tra Siria e Turchia nel 2016: lo ha confermato il governo italiano dopo un annuncio delle forze dei ribelli siriani che controllano la provincia di Idlib, in Siria, secondo le quali Sandrini era stato rapito da una banda criminale. Il governo ha detto che la liberazione è avvenuta al termine «di un’articolata attività condotta, in territorio estero, in maniera coordinata e sinergica dall’intelligence italiana, dalla polizia giudiziaria e dall’unità di crisi del MAE».

Sandrini era scomparso nell’ottobre del 2016, dopo essere andato in Turchia per una vacanza. Per un anno non aveva dato notizie di sé, poi era riuscito a chiamare alcune volte la famiglia informandola del sequestro. La scorsa estate i rapitori avevano diffuso un video nel quale Sandirni chiedeva alle autorità italiane di agire in fretta per riportarlo a casa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.