• Italia
  • martedì 21 maggio 2019

Due persone sono morte in un incendio doloso nella sede della polizia municipale di Mirandola

Due persone sono morte, tre sono ricoverate in condizioni gravi e 16 sono intossicate a causa di un incendio nella sede del comando della polizia municipale di Mirandola, in provincia di Modena. Si tratta di due donne, un’italiana di 86 anni e la sua badante straniera di 74; il marito della prima è ricoverato in ospedale a Fidenza in gravi condizioni; vivevano tutti e tre al primo piano del palazzo che ospita il comando.

L’incendio era iniziato verso le 2:40 di martedì; la Gazzetta di Modena scrive che l’avrebbe appiccato uno straniero, un ragazzo senza fissa dimora originario del Marocco, che era stato fermato nei giorni scorsi dalla polizia municipale; è stato subito arrestato vicino alla sede della polizia, da dove aveva rubato alcune radio e dei cappelli dei vigili, mentre il Corriere parla di una divisa che avrebbe subito indossato. La Gazzetta racconta anche che il ragazzo, circa un’ora prima dell’incendio, si era presentato in Pronto Soccorso sentendosi poco bene, aveva ricevuto una flebo ma poco dopo se l’era strappata e se n’era andato. L’assessore ai Servizi sociali di Mirandola, Roberto Ganzerli, ha detto che si è trattato di un «gesto dovuto alla follia, almeno stando ai primi accertamenti da verificare».

La sede della polizia locale di Mirandola, 21 maggio 2019 (ANSA/ Francesco Vecchi)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.