I Paesi Bassi hanno vinto l’Eurovision, l’Italia con Mahmood è arrivata seconda

Il video della canzone vincitrice e la classifica finale

L’Eurovision Song Contest del 2019 – il più grande concorso musicale del mondo, noto soltanto come “Eurovision”, o “Eurofestival” per i più attempati – è stato vinto dal cantante che rappresentava i Paesi Bassi, Duncan Laurence, con la canzone Arcade. Laurence era considerato il favorito già dall’inizio della competizione; i Paesi Bassi non vincevano l’Eurovision dal 1975. L’Italia è andata comunque molto bene: è arrivata seconda dopo essere andata vicina a mantenere il primo posto, grazie a un buon piazzamento tra le giurie dei diversi paesi europei e un ottimo risultato nel televoto. L’Italia era rappresentata da Mahmood con la sua canzone “Soldi”, vincitrice dell’ultimo Festival di Sanremo. L’Italia non vince l’Eurovision dal 1990, con Toto Cutugno; l’ultimo secondo posto era arrivato nel 2011 con Raphael Gualazzi.

Altre informazioni salienti: il Regno Unito è arrivato ultimo in classifica, peraltro ottenendo pochissimo dal televoto; la Germania avrebbe fatto anche peggio se non avesse ottenuto qualcosa dalle giurie tecniche, perché dal televoto ha ottenuto zero.

Il concorso si è tenuto in Israele – l’anno prossimo lo ospiteranno i Paesi Bassi – e ci sono stati un po’ di rumore e fischi in teatro quando i cantanti islandesi hanno esposto alcune bandiere con la scritta “FREE PALESTINE”. Madonna ha cantato poco prima che venissero annunciati i vincitori: due suoi ballerini hanno esposto una bandiera israeliana e una palestinese. Gli organizzatori del concorso hanno ribadito che le regole proibiscono l’uso di espressioni e slogan politici. Dall’altra parte, gli ebrei ultraortodossi hanno protestato a lungo e duramente – ci sono stati scontri con la polizia – contro la decisione di tenere la finale del concorso durante un sabato, come sempre accade, quando per gli ebrei è lo Shabbat, il giorno del riposo.

La classifica finale dell’Eurovision Song Contest 2019:

Duncan Laurence (AP Photo/Sebastian Scheiner)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.