Illustri 2019

Chi vedere al festival dell’illustrazione di Vicenza

"Illustri" ospita 11 artisti italiani affermati, 11 emergenti e una mostra personale sulla francese Malika Favre

Illustri 2019

Dal 18 maggio al 23 giugno si terrà a Vicenza la quarta edizione di Illustri, il festival dedicato all’illustrazione italiana e internazionale. È allestita in due sedi: nella Basilica Palladiana ci saranno “Illustri”, dedicata a 11 artisti italiani affermati a livello internazionale, e “Saranno Illustri”, su 11 promettenti talenti nazionali; a Palazzo Leoni Montanari sarà ospitata “Illustrissima”, una personale sulla francese Malika Favre, che proseguirà fino al 25 agosto.

Favre è nata a Parigi nel 1982, ha studiato graphic design, vive a Londra dal 2003 e lavora come illustratrice dal 2011. Ha uno stile molto riconoscibile, definito dai critici tra Pop art e Op art (cioè arte pop e optical): minimale, dai colori accesi, sensuale. Ha disegnato copertine per il New Yorker e per la casa editrice Penguin, lavorato per Vogue, Gucci e il Fashion Council, l’organo di moda britannico. La rassegna a lei dedicata raccoglie 125 opere organizzate in quattro temi: La Donna, Il Viaggio, Cultura e Società, Erotica.

Gli artisti di “Illustri” sono Emiliano Ponzi, Camilla Falsini, Elisa Seitzinger, Francesco Bongiorni, Anna and Elena Balbusso Twins, Manuele Fior, Marco Mazzoni, Ilaria Faccioli, Irene Rinaldi, Luca Font e Daniela Tieni. Gli emergenti sono Fausto Montanari, Andrea De Luca, Margherita Morotti, Flavia Sorrentino, Roberto Hikimi Blefari, Antonio Sortino, Cristina Amodeo, Giulia Pastorino, Andrea Chronopoulos, Michele Marconi ed Elia Colombo. Il festival è accompagnato da appuntamenti ed eventi, come le quattro serate dedicate ognuna a una sezione di “Illustrissima”. Il biglietto costa 5 euro e consente anche la visita a tutti gli spazi della Basilica Palladiana.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.