• Mondo
  • giovedì 16 maggio 2019

Due scalatori sono morti sul monte Kangchenjunga, in Nepal, e un terzo è disperso

Due scalatori indiani sono morti sul monte Kangchenjunga, la terza montagna più alta del mondo, in Nepal. Sono il 48enne Biplab Baidya, e il 46enne Kuntal Kanrar: il primo è morto dopo aver raggiunto la cima della montagna, a 8.586 metri, il secondo cercando di raggiungere la vetta: entrambi a causa di ipotermia, mal di montagna e cecità da neve, secondo gli organizzatori della loro spedizione. Uno scalatore cileno che era nella zona, Rodrigo Vivanco, risulta disperso.

(Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.