• Mondo
  • martedì 14 maggio 2019

Una giuria della California ha stabilito che Bayer dovrà pagare 2 miliardi di dollari come risarcimento per i presunti legami tra un erbicida e il cancro

Una giuria di Oakland, in California, Stati Uniti, ha stabilito che la casa farmaceutica tedesca Bayer dovrà pagare 2,055 miliardi di dollari (circa 1,8 miliardi di euro) di risarcimento a una coppia che si sarebbe ammalata di tumore in seguito all’uso dell’erbicida Roundup, a base di glifosato. È una cifra enorme, che sarà con ogni probabilità molto ridotta in appello. Si tratta comunque della terza volta nel corso dell’ultimo anno che Bayer viene condannata negli Stati Uniti per la presunta relazione tra l’uso dell’erbicida e lo sviluppo di tumori: lo scorso agosto erano stati riconosciuti 79 milioni di dollari di risarcimento all’ex giardiniere Dewayne Johnson, mentre a marzo 80 milioni erano stati riconosciuti al 70enne californiano Edwin Hardeman.

Il Roundup è un erbicida prodotto negli anni Settanta da Monsanto, multinazionale che si occupa di biotecnologie agrarie e OGM, che è stata rilevata lo scorso anno da Bayer per 66 miliardi di dollari. In un comunicato Bayer ha respinto le accuse, definendole “eccessive e ingiustificate”, e ha annunciato che farà ricorso. Al momento negli Stati Uniti ci sono più di 13mila cause in corso nei confronti di Bayer per i presunti i danni provocati dal Roundup.

(AP Photo/Haven Daley, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.