• Sport
  • lunedì 13 maggio 2019

Il ciclista Moreno Moser ha annunciato il suo ritiro

Il ciclista Moreno Moser, che ha 28 anni ed è nipote del famoso ex ciclista Francesco Moser, ha annunciato il suo ritiro. Moser, fino a qualche anno fa considerato uno dei giovani più interessanti del ciclismo italiano, era in crisi da diverso tempo e in un post su Instagram ha parlato tra le altre cose delle difficoltà enormi a trovare la condizione fisica adeguata: «Sono anni che mi ritrovo dopo mesi e mesi di allenamenti ad andare meno del primo giorno». Moser aveva vinto cinque corse nel suo primo anno da professionista, con Liquigas e la sua vittoria più importante era stata alla Strade Bianche del 2013. Lo scorso inverno aveva firmato un contratto con la Nippo Fantini, dopo un paio di stagioni difficili alla Astana.

View this post on Instagram

Purtroppo sono anni che ho la sensazione che si sia rotto qualcosa dentro di me. La condizione è diventata quasi un miraggio e il lavoro mi porta sempre l’effetto contrario. Sono anni che mi ritrovo dopo mesi e mesi di allenamenti ad andare meno del primo giorno. Ho tenuto duro, ci ho riprovato per anni, ogni anno con la fiducia che sarebbe stato l’anno buono. Poi è arrivata la chiamata di Pelosi alla @nippovinifantini , dove ho trovato una famiglia incredibile e stimoli che mi davano la certezza che sarebbe stato l’anno della svolta. Ma mi sono ritrovato ancora li, non a terra, sotto terra. Ho deciso quindi di non voler più prendere in giro ne me stesso ne gli altri. In questo momento della mia vita non posso più rimanere nel ciclismo come in una zona di comfort, trascinarmi in giro alle gare grattando un barile che forse è già vuoto da un po’. Cerco nuove esperienze, nuovi stimoli e la sensazione sentirmi di nuovo vivo. Il ciclismo è uno sport magnifico, pulito e che mi ha dato tanto, tutto forse. Amo la fatica, il dolore era come droga per uno come me che ha sempre avuto soglie aerobiche basse ma una capacità lattacida fuori dal comune, ma questa fatica per vedersi staccare ogni giorno ti logora, ti annulla e ti toglie anche l’anima. Andare avanti così servirebbe solo a rovinare quello che di buono ho fatto fino ad ora. Amo questo sport con tutto me stesso ed intendo rimanerci, ma non da corridore. Ho ricevuto un sacco di messaggi stupendi che mi hanno dato speranza e fiducia per quella che sarà la mia nuova vita. Voglio però mettere in chiaro che per me questo è un giorno felice, chiudo questa parentesi senza rimpianti e con la consapevolezza che in ogni caso questo momento arriva per tutti, ed io ho voglia di affrontarlo adesso. PS: Ho già un progetto in serbo!😏 #cycling #procycling #bikerace #bikeshots #news #nippovinifantinifaizanè #nippovinifantini #moser #cyclone

A post shared by Moreno Moser (@morenomoser) on

Moreno Moser (Dan Istitene/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.