A Milano si parla di cosa succederà domani

Il 23 maggio, alla quarta edizione dell'Envisioning Forum organizzato da IED: una conferenza in stile TED dedicata al cambiamento

Il designer Federico Ferretti durante l’edizione 2018 di Envisioning Forum, promosso da IED Milano (IED)

Dal 2006 – quando per la prima volta alcune conferenze TED furono caricate su YouTube – le conferenze divulgative sono diventate un formato di contenuto video molto apprezzato in tutto il mondo. Come per i concerti e gli spettacoli teatrali, però, vederle dal vivo è molto meglio: il 23 maggio a Milano sarà possibile grazie all’Envisioning Forum. La rivoluzione del fare, un’occasione di scambio di idee sull’innovazione organizzata dall’Istituto Europeo di Design (IED) per diffondere strumenti e chiavi di interpretazione per ciò che succederà in futuro. Siamo alla quarta edizione: il tema di quest’anno è “cambiamento”.

Il tema è stato scelto per le parole pronunciate dalla giovane attivista ambientalista Greta Thunberg alla conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico di Katowice, in Polonia: «Invece di preoccuparci del nostro futuro dovremmo pensare a cambiarlo, finché siamo in tempo». Anche per questo l’idea di cambiamento attorno a cui sono state sviluppate le conferenze dell’Envisioning Forum è legata alla cura dell’ambiente, come richiesto dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile approvata dall’ONU nel 2015, ma non solo.

All’Envisioning Forum parleranno Mónica Cantón de Celis, Francesco Cara, Claudia Laricchia e Gaella Gottwald. Mónica Cantón de Celis è l’amministratrice delegata di Design for Change Global, un’ong che si occupa di diffondere il metodo educativo sviluppato dalla designer indiana Kiran Bir Sethi: consiste nello stimolare i bambini a fare le cose che possono fare, invece che insistere su quelle che non possono fare perché troppo piccoli. Francesco Cara è un designer e attivista ambientalista di The Climate Reality Project, l’organizzazione fondata da Al Gore, mentre Claudia Laricchia è la responsabile delle relazioni istituzionali e degli accordi internazionali del Future Food Institute, un’ong dedicata all’innovazione in campo agroalimentare. Gaella Gottwald, ex studentessa di IED, è la fondatrice di SOS creative clinic, un’iniziativa della Croatian Cultural Alliance (CCA) che si occupa di questioni di sostenibilità sociale con progetti di tipo ambientale ed economico.

L’Envisioning Forum comunque è solo una di una serie di iniziative intorno al concetto della sostenibilità organizzate da IED: la prima è stata Under Pressure, un’installazione realizzata per la passata “design week” di Milano, il cui fine era far riflettere sul grande tema della sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Tutti gli studenti di IED – non solo quelli in Italia, ma anche in Spagna e Brasile – sono stati e saranno coinvolti in questo programma.

L’ingresso all’Envisioning Forum è gratuito, ma bisogna registrarsi: qui. L’evento si terrà giovedì 23 maggio alle 18.30 alla Stamperia Milano, uno spazio per eventi inaugurato di recente, in via Pietrasanta 14.