• TV
  • lunedì 13 maggio 2019

La Rai ha cancellato le prossime tre puntate del lunedì di “Che tempo che fa”

La Rai ha deciso di cancellare le prossime tre puntate del lunedì della popolare trasmissione condotta da Fabio Fazio su Rai 1, Che tempo che fa, e molto criticata da anni dalle forze politiche oggi al governo, soprattutto la Lega di Matteo Salvini. La cancellazione delle puntate è stata annunciata dallo stesso Fazio, che domenica sera ha spiegato che quella di oggi sarà l’ultima puntata del lunedì della stagione (il 20 andrà in onda Porta a Porta, il 27 una trasmissione sulle elezioni europee). Fazio non è stato polemico nel suo annuncio – ha ringraziato il pubblico e citato gli ottimi risultati in termini di audience e share – ma moltissimi hanno messo in relazione la decisione con il nuovo atteggiamento muscolarmente filogovernativo della Rai e le frequenti dichiarazioni contro Fazio di Matteo Salvini (che proprio ieri si era rifiutato di farsi intervistare sostenendo che prima Fazio dovesse «tagliarsi lo stipendio»). Il Corriere della Sera ha qualche informazione sulla provenienza interna della decisione:

La spiegazione offerta dall’ufficio stampa è che si tratta di una decisione autonoma della rete che fa capo a Teresa De Santis, vicina alla Lega (protagonista di una dura polemica con Claudio Baglioni prima del Festival di Sanremo) che, per bocca del leader Matteo Salvini, ha più volte ufficialmente chiesto a Fazio di ridursi lo stipendio. Ma dallo staff dell’ad Fabrizio Salini si fa sapere che il manager è «molto irritato» per la vicenda di Fazio al punto di aver convocato lunedì la De Santis, direttore di rete e il direttore editoriale e palinsesti.

Fabio Fazio in studio, 24 settembre 2017 (ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.