• Mondo
  • giovedì 9 maggio 2019

Un surfista è stato ucciso da uno squalo al largo dell’isola Riunione

Un surfista è morto dopo essere stato attaccato da uno squalo al largo dell’isola Riunione (Réunion), un dipartimento francese di oltremare che si trova nell’Oceano Indiano. Secondo altri tre surfisti che erano con lui e che sono riusciti a tornare a riva, lo squalo gli avrebbe staccato una gamba; i soccorsi – compresi un elicottero e alcuni sommozzatori – hanno recuperato il suo corpo senza vita dall’acqua. A Riunione è vietato fare surf proprio a causa degli squali e le autorità avevano avvertito che in questo periodo dell’anno ce ne sarebbe stata una presenza maggiore del solito nelle acque intorno all’isola.

Questo è l’undicesimo attacco di uno squalo in questa zona dal 2011 e il secondo dall’inizio dell’anno: a gennaio un pescatore era stato attaccato da uno squalo mentre si trovava in mare a 5 metri dalla riva.

Un cartello indica il pericolo squali nelle acque dell'isola Riunione. (Gerd Roth/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.