• Mondo
  • domenica 5 maggio 2019

Il Brunei ha fatto marcia indietro sulla sharia

E quindi non applicherà la pena di morte per lapidazione in caso di adulterio e sesso omosessuale

Il sultano del Brunei Hassanal Bolkiah ha detto che non applicherà subito la pena di morte prevista dall’introduzione della sharia, la legge islamica, come annunciato lo scorso 3 aprile: la nuova legge prevedeva, tra le altre cose, la lapidazione in caso di sesso omosessuale, stupro e adulterio. La decisione è arrivata in seguito alle proteste portate avanti in tutto il mondo da attori e celebrità, come George Clooney ed Elton John, e semplici cittadini, come quelli che avevano manifestato e invitato a boicottare i lussuosi hotel Dorchester a Londra e il Beverly Hills Hotel di Los Angeles, di proprietà del sultano.

Il Brunei aveva più volte ribadito il suo diritto ad applicare la legge, anche in una lettera inviata al Parlamento Europeo, ma il sultano ha fatto infine un passo indietro, spiegando che di fatto è da più di 20 anni che il paese applica una moratoria sulla pena di morte, che era già prevista per crimini come l’omicidio e il traffico di droga, e che verrà ulteriormente estesa. Ha comunque ribadito che «sono consapevole delle molte domande e idee sbagliate sull’applicazione del codice penale della sharia. Siamo comunque convinti che, una volta che saranno state chiarite, il merito della legge sarà evidente».

Il sultano del Brunei, (Vladimir Astapkovich/Host Photo Agency via Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.