• Mondo
  • domenica 5 maggio 2019

Almeno 15 persone sono morte in India e in Bangladesh per il ciclone Fani

Almeno 15 persone sono morte tra India e Bangladesh a causa del ciclone Fani, che è arrivato nel paese il 3 maggio, con venti fino a 250 chilometri orari. Il ciclone ha colpito la parte orientale del paese, in particolare lo stato di Odisha, e si è poi spostato verso il Bangladesh. Prima del suo arrivo, in India era stato evacuato più di un milione di persone.

Il ciclone si è formato nel Golfo del Bengala e muovendosi verso nord ha acquistato progressivamente potenza: si tratta del quarto ciclone a colpire le coste orientali dell’India negli ultimi trent’anni: le conseguenze più gravi si ebbero nel 1999 a causa del ciclone Odisha, dal nome dello stato, che causò la morte di quasi 10mila persone.

AP Photo

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.