• Mondo
  • sabato 4 maggio 2019

Un Boeing 737 è caduto in un fiume a Jacksonville, in Florida

È scivolato dalla pista in fase di atterraggio a causa di un forte temporale ; le 143 persone a bordo sono state soccorse e stanno bene

Un Boeing 737 con a bordo 143 persone partito dalla base navale statunitense di Guantanamo, a Cuba, è scivolato dalla pista di atterraggio di una base militare a Jacksonville, in Florida, e finito nel fiume St. Johns. A bordo c’erano 143 persone, 136 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio; 21 sono ferite, non in condizioni gravi. L’incidente è avvenuto attorno alle 21:40, ora locale, ed è stato causato da un forte temporale che ha reso difficoltoso l’atterraggio dell’aereo, un charter militare della compagnia aerea Miami Air International. La base militare si trova lungo la riva sinistra del fiume St. Johns circa 13 chilometri a sud del centro di Jacksonville.

Lo sceriffo di Jacksonville ha scritto su Twitter che «l’aereo non è stato sommerso. Sono tutti vivi e non ci sono dispersi», accompagnando la notizia con due fotografie.
Una passeggera, l’avvocata Cheryl Bormann, ha raccontato a CNN che l’aereo è atterrato con molte difficoltà tra tuoni e fulmini: «siamo atterrati, l’aereo ha colpito terra ed è rimbalzato, era chiaro che il pilota non aveva completamente il controllo dell’aereo che è rimbalzato di nuovo».

(Polizia di Jacksonville)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.