• Mondo
  • giovedì 2 maggio 2019

Facebook ha rimosso gli account di Alex Jones, Milo Yiannopoulos e altri leader accusati di incitare all’odio e alla violenza

Facebook ha rimosso gli account di alcuni esponenti di estrema destra e leader di movimenti considerati violenti, razzisti e misogini, accusandoli di violare le regole dell’azienda istigando all’odio e alla violenza. I loro account sono stati cancellati anche su Instagram, di proprietà di Facebook. Tra loro ci sono Alex Jones – conduttore radiofonico americano complottista e di estrema destra, fondatore del sito Infowars – che era già stato sospeso da Twitter e aveva subito delle cancellazioni di contenuti da parte di Facebook, ma non su Instagram; Louis Farrakhan, leader del movimento religioso islamico Nation of Islam, considerato omofobo, antisemita e misogino; Milo Yiannopoulos, esponente dell’alt-right, il movimento americano di estrema destra, sessista e razzista, e collaboratore del sito Breitbart News; Laura Loomer, cospirazionista e anti-musulmana; e altri esponenti del sito di estrema destra Infowars.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.