La catena alberghiera Marriott introdurrà un servizio per gli affitti brevi di case per fare concorrenza ad Airbnb, dice il Wall Street Journal

La catena alberghiera Marriott, la più grande al mondo, sta avviando una nuova attività di affitti brevi di case per fare concorrenza ad Airbnb e altre società simili, e, secondo alcune fonti del Wall Street Journal, potrebbe presentare la novità il mese prossimo. Sarà la prima catena alberghiera a fare concorrenza ad Airbnb in questo modo negli Stati Uniti, anche se secondo le fonti del WSJ anche altre aziende del settore, come Hilton Worldwide Holdings e Hyatt Hotels, hanno studiato la possibilità di avviare un proprio servizio per affittare le case. Il servizio è stato testato con un programma pilota in Europa e permette a chi alloggia nelle case di accumulare e usare punti fedeltà come succede negli hotel Marriott.

Marriott ha 1,3 milioni di camere d’albergo nel mondo e possiede i marchi Sheraton, W Hotels e Ritz-Carlton. Airbnb invece è la più grande piattaforma per gli affitti brevi: offre 5 milioni di alloggi per le vacanze in tutto il mondo e sta cercando di diversificare i propri affari nel settore alberghiero tradizionale in vista della sua quotazione in borsa, attesa per l’anno prossimo. Il mese scorso ha comprato Hotel Tonight, una app che raccoglie offerte di alloggi scontati, e ha investito nel servizio indiano per prenotare stanze d’albergo Oyo Hotels & Homes.

(Scott Olson/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.