Ste-Marthe-sur-le-Lac dopo la rottura della diga.
  • Mondo
  • lunedì 29 aprile 2019

Le alluvioni in Canada

Una diga ha ceduto ed è stata ordinata l'evacuazione di circa 8 mila persone: le foto

Ste-Marthe-sur-le-Lac dopo la rottura della diga.

Nelle zone orientali del Canada è stata ordinata l’evacuazione di circa 8 mila persone a causa delle forti piogge e delle inondazioni delle ultime due settimane. Più di 6 mila persone sono state evacuate d’urgenza nella sola notte tra sabato 27 aprile e domenica 28 aprile a Sainte-Marthe-sur-le-Lac, città a ovest di Montréal, dopo la rottura improvvisa di una diga. Non ci sono morti o dispersi, ma un terzo degli abitanti della città ha dovuto trovare un rifugio di emergenza. Il primo ministro del Québec François Legault ha detto che l’evacuazione è stata «quasi un miracolo».

La diga che si è rotta era stata costruita circa 40 anni fa e aveva subito un’ispezione e un ammodernamento l’anno scorso dopo che aveva protetto con successo la città durante le inondazioni della primavera del 2017. Il sindaco della città colpita ha detto che è ancora troppo presto per conoscere la causa del crollo.

La zona più colpita dalle alluvioni si estende da Ottawa a Montréal, lungo il fiume Ottawa che costituisce il confine naturale tra le province del Québec e dell’Ontario. Entrambe le città hanno dichiarato lo stato di emergenza. Dall’inizio delle alluvioni è morta una persona, lo scorso 20 aprile, e si sono allagate quasi 6 mila case. In totale, sono al lavoro più di mille militari in Ontario, Québec e New Brunswick per portare soccorso e costruire dighe temporanee per cercare di isolare le aree allagate e permettere il drenaggio dell’acqua.

«I numeri sono importanti e le prossime ore saranno critiche», ha dichiarato la ministra della Pubblica Sicurezza del Québec, Geneviève Guilbault: «Ma non ci sono previsioni di pioggia almeno fino a mercoledì. E questo dovrebbe stabilizzare la situazione e permettere a tutti di riprendere fiato». Il bilancio dei danni e delle persone evacuate ha superato quello delle inondazioni del Québec del 2017, considerato fino ad ora il più grave del paese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.