• Mondo
  • domenica 28 aprile 2019

In Indonesia, 272 persone sono morte per la fatica contando i voti delle elezioni, dice la Commissione elettorale

Secondo la Commissione generale delle elezioni (KPU) dell’Indonesia, 272 lavoratori sono morti per affaticamento e cause riconducibili alle numerose ore trascorse a contare milioni di schede elettorali. Il portavoce della KPU, Arief Priyo Susanto, ha inoltre detto che almeno 1.878 persone si sono ammalate dopo giorni passati a contare i voti. Si stima che circa 7 milioni di persone siano state impegnate dal giorno del voto, il 17 aprile, per fornire aiuto e tenere sotto controllo la regolarità dello scrutinio. A molte di loro sono stati imposti lunghi turni di lavoro in ambienti sovraffollati, caldi e con poco ricambio d’aria.

Per la prima volta, l’Indonesia ha tenuto contemporaneamente le elezioni presidenziali e quelle parlamentari (nazionali e locali), con l’obiettivo di risparmiare. Ha votato circa l’80 per cento dei 193 milioni di aventi diritto al voto, in oltre 800mila seggi. Il risultato è stato un carico di lavoro eccessivo ai seggi, con conseguenze per centinaia di lavoratori. Il governo dell’Indonesia risarcirà le famiglie delle 272 persone morte con un assegno da 36 milioni di rupie (circa 2.200 euro) per ogni deceduto; la cifra equivale più o meno a un anno di paga.

(Ed Wray/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.