Elon Musk dovrà far approvare i suoi tweet su Tesla da un avvocato prima di poterli pubblicare

Dopo settimane di trattative, Elon Musk ha raggiunto un accordo con la Securities and Exchange Commission (SEC), l’ente federale statunitense che si occupa della vigilanza della borsa, per quanto riguarda i suoi tweet e le dichiarazioni su Tesla che fornisce tramite i social network. Musk dovrà sottoporre i tweet che riguardano la sua azienda di automobili elettriche a un avvocato, che gli fornirà un parere legale prima della pubblicazione. Tra gli argomenti che richiederanno l’approvazione ci sono: stato delle finanze di Tesla, risultati economici, proposte di acquisizioni e fusione, dati sulla produzione, sulle vendite e sulle consegne, cambiamenti nei piani aziendali e molto altro. L’accordo dovrà essere ora approvato dal giudice distrettuale Alison Nathan, che ha seguito il caso.

Musk, che è CEO di Tesla, aveva avuto diversi problemi con la SEC proprio per alcune dichiarazioni su Twitter, che avrebbero condizionato l’andamento delle azioni della sua azienda. Ad agosto del 2018, Musk disse di stare valutando la possibilità di ritirare Tesla dalla borsa mentre le contrattazioni erano ancora aperte, con un conseguente aumento di valore delle azioni. A settembre la SEC avviò un’indagine che fu conclusa con un accordo, che comprendeva le dimissioni di Musk da membro del consiglio di amministrazione di Tesla per tre anni e una multa da 20 milioni di dollari. In seguito a un nuovo tweet pubblicato a febbraio di quest’anno sui volumi di produzione delle nuove Tesla, Musk era stato accusato dalla SEC di avere violato l’accordo, finendo nuovamente in tribunale. Ora il nuovo accordo dovrebbe risolvere il contenzioso.

Elon Musk a Chicago, 14 giugno 2018 (Joshua Lott/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.