• Mondo
  • mercoledì 24 aprile 2019

In Egitto è stata approvata tramite referendum la modifica della Costituzione che permetterà al presidente Sisi di stare al potere fino al 2030

In Egitto è stata definitivamente approvata tramite referendum la modifica alla Costituzione che permetterà al presidente Abdel Fattah al Sisi di stare al potere fino al 2030. Circa l’89 per cento degli elettori ha votato a favore dell’emendamento costituzionale, già approvato dal Parlamento egiziano lo scorso 16 aprile, mentre l’affluenza è stata del 44 per cento. La correttezza delle operazioni di voto e la libertà delle opposizioni di poter esprimere la propria idea sono state però insufficienti per parlare di un voto democratico e libero: il regime egiziano ha monopolizzato tutta l’informazione pre-elettorale e diversi egiziani hanno raccontato di avere ricevuto offerte di soldi e cibo per andare a votare e garantire un’affluenza sufficiente da considerare valido il referendum, ha scritto il Wall Street Journal.

Con l’ultima modifica alla Costituzione, che tra le altre cose permetterà a Sisi di estendere il suo controllo sul potere giudiziario, l’Egitto si trasformerà in un paese ancora più autoritario.

(Gehad Hamdy/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.