I vincitori dei Sony World Photography Awards

Le foto notevoli di uno dei più famosi concorsi annuali di fotografia al mondo, vinto da un italiano

Sono stati annunciati i vincitori dei Sony World Photography Awards, uno dei più importanti concorsi annuali di fotografia al mondo. L’italiano Federico Borella è stato premiato come miglior fotografo dell’anno tra i professionisti – il premio più importante della categoria – con la sua serie Five Degrees​, che parla dei suicidi tra gli agricoltori correlati alla siccità nello stato del Tamil Nadu, nel sud dell’India. Il lavoro di Borella si basa su uno studio dell’Università di Berkeley che mette in relazione il cambiamento climatico con l’aumento dei suicidi tra gli agricoltori.

Il concorso è diviso in quattro competizioni diverse: una per fotografi professionisti che presentano solitamente progetti più estesi (competizione che a sua volta ha dieci categorie); una “Open”, dedicata a singole immagini realizzate sia da fotografi professionisti che semplici dilettanti, appassionati o artisti (anche questa divisa in dieci categorie, ma ha vinto come fotografo dell’anno la statunitense Christy Lee Rogers); “Youth” per ragazzi e ragazze dai 12 ai 19 anni (ha vinto Zelle Westfall, Stati Uniti, 18 anni); e infine la categoria “Student Focus”, aperta agli studenti di fotografia di tutto il mondo (vinta da Sergi ​Villanueva​, Spagna, 25 anni). Da oggi i lavori dei vincitori e dei finalisti saranno esposti alla Somerset House di Londra fino al 6 maggio. Trovate tutte le immagini dei vincitori, ma anche di quelli arrivati secondi o terzi, sul sito del premio.

I vincitori dei Sony World Photography Awards sono stati annunciati ieri dalla World Photography Organization – una importante e stimata organizzazione internazionale di fotografia – e scelti da una giuria di esperti internazionali della World Photographic Academy, che li ha selezionati tra più di 320mila immagini provenienti da 195 paesi diversi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.