• Mondo
  • mercoledì 17 aprile 2019

L’ex presidente peruviano Alan García si è ucciso mentre la polizia cercava di arrestarlo

L’ex presidente Alan García è morto: si era sparato poco dopo che la polizia era entrata nella sua casa a Lima per arrestarlo. Era stato subito portato nell’ospedale Casimiro Ulloa, dove era stato sottoposto a un intervento di emergenza. García era accusato di aver accettato tangenti dall’azienda edile brasiliana Odebrecht; aveva sempre respinto le accuse.

Alan Garcìa aveva 69 anni ed era stato presidente del Perù dal 1985 al 1990 e poi di nuovo dal 2006 al 2011. Faceva parte del partito di centro-sinistra Alleanza Popolare Rivoluzionaria Americana.

Alan Garcìa nel 2007 (G. Fabiano-Pool/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.