Il primo premio DeA Planeta è stato assegnato a Simona Sparaco

La scrittrice, già finalista al premio Strega nel 2013, ha vinto i 150mila euro in palio con il romanzo inedito "Nel silenzio delle nostre parole"

La prima edizione del premio DeA Planeta, il premio letterario istituito dalla casa editrice DeA Planeta Libri, fondata all’inizio del 2017 dal gruppo De Agostini e dal gruppo spagnolo Planeta, è stata vinta dalla scrittrice Simona Sparaco per il romanzo inedito Nel silenzio delle nostre parole. Come previsto dal regolamento del concorso, il libro sarà pubblicato in Italia da DeA Planeta e in spagnolo con altre case editrici del Gruppo Planeta; sarà inoltre tradotto in lingua inglese e francese per essere proposto ad altri editori internazionali. Sparaco ha vinto anche i 150mila euro che fanno del premio DeA Planeta il più ricco premio letterario italiano: con la vittoria al premio Strega, il più importante e influente sulle vendite dei libri, si ottengono solo 5mila euro.

Il premio DeA Planeta era aperto anche ad autori esordienti, ma Sparaco, che aveva partecipato al concorso con lo pseudonimo “Diego Tommasini” ed è la compagna del giornalista Massimo Gramellini, è una scrittrice affermata: nel 2013 era stata finalista al premio Strega con il suo quarto romanzo, Nessuno sa di noi (potete leggerne un estratto qui). Nel silenzio delle nostre parole racconta una serie di storie ispirate all’incendio della Grenfell Tower di Londra e accomunate dal tema delle incomunicabilità tra genitori e figli.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.