Secondo i giornali, Sandro Gozi, candidato alle prossime elezioni europee con “En Marche”, è indagato per una “consulenza fantasma”

Sandro Gozi, ex sottosegretario con delega agli Affari europei nei governi guidati da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, è indagato dal Tribunale Unico di San Marino per una “consulenza fantasma” da 220mila euro, scrivono ANSA e altri giornali. Gozi, che è candidato alle prossime elezioni europee con la lista “En Marche” del presidente francese Emmanuel Macron, è indagato insieme a Catia Tomasetti, presidente dal maggio scorso di Banca centrale sanmarinese. Secondo l’accusa, i due avrebbero indotto «il consiglio direttivo di Banca centrale di San Marino a stipulare un contratto con Gozi per una consulenza rivelatasi poi fittizia», scrive ANSA. Gozi ha detto di non avere ricevuto alcuna comunicazione giudiziaria dal Tribunale Unico di San Marino.

Sandro Gozi (ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.