• Mondo
  • giovedì 11 aprile 2019

La Corte Costituzionale della Corea del Sud ha dichiarato incostituzionale la legge contro l’aborto

La Corte Costituzionale della Corea del Sud ha stabilito che il divieto di interruzione volontaria di gravidanza in vigore nel paese è incostituzionale. Il divieto di aborto è contenuto in una legge del 1953 che prevede che le donne che abortiscono volontariamente possano essere multate e incarcerate, fatta eccezione per i casi di stupro, incesto o rischi per la loro salute. La Corte ha deciso che la legge dovrà essere riscritta entro la fine del 2020. A Seul, fuori dalla sede della Corte, sono in corso due manifestazioni: una delle persone contrarie al divieto di interruzione volontaria di gravidanza, l’altra di quelle a favore.

La Corea del Sud è uno degli ultimi paesi ricchi del mondo a vietare l’interruzione volontaria di gravidanza, a cui sono contrari i molti cristiani evangelici del paese. La decisione di oggi è arrivata dopo anni di impegno da parte delle attiviste per la libertà di scelta delle donne per chiedere una revisione della legge del 1953. In realtà fino al 2010 era relativamente semplice per le donne coreane ottenere un’interruzione di gravidanza, ma da allora l’applicazione della legge è stata intensificata ed è diventato molto più difficile.

Una protesta delle donne sudcoreane contro la legge che proibisce l'aborto a Seul, il 5 marzo 2010 (AP Photo/Ahn Young-joon)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.