I profitti di Asos sono calati dell’87 per cento in sei mesi

I profitti del sito di e-commerce britannico Asos, uno dei più importanti e utilizzati al mondo, sono calati dell’87 per cento da agosto 2018 a febbraio 2019, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; sono passati da 29,9 milioni di sterline a 4 milioni di sterline (cioè da 35 a 4,6 milioni di euro). Nello stesso periodo le vendite sono aumentate  del 14 per cento, pari 1,3 miliardi di sterline (1,5 milioni di euro).

L’azienda ha attribuito il calo a un cambiamento delle strategie di marketing, alle scelte di prezzo e di inventario. Le difficoltà maggiori si sono verificate nel mercato tedesco e francese; le vendite nei paesi dell’Unione Europea sono cresciute del 10 per cento, meno delle previsioni, e la necessità di svendere in saldo ha ristretto molto i margini. Questo è uno dei motivi per cui l’aumento di vendite non ha prodotto risultati positivi per i profitti, insieme al fatto che le vendite hanno interessato soprattutto i rivenditori terzi, con margini di guadagno molto più bassi rispetto agli articoli prodotti direttamente da Asos. Il direttore esecutivo Nick Beighton ha detto che sono già state rilevati aspetti da migliorare e che sono già stati fatti grossi investimenti per rendere la piattaforma più efficiente.

(Asos)
TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.