• Mondo
  • martedì 9 aprile 2019

Il nuovo ministro dell’Istruzione brasiliano è un sostenitore di teorie del complotto

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro, un ex militare molto di destra e nostalgico della dittatura, ha annunciato lunedì il licenziamento del ministro dell’Istruzione Ricardo Vélez e la sua sostituzione con Abraham Weintraub. Vélez, che è stato ministro solo per pochi mesi, era già stato al centro di diverse controversie e il suo licenziamento non è una grossa sorpresa. Aveva per esempio chiesto alle scuole di filmare gli studenti mentre cantavano l’inno nazionale ogni mattina e aveva detto che i brasiliani all’estero si comportano come “cannibali” e rubano dagli alberghi. Weintraub, però, non è il rimpiazzo in cui molti speravano: è un economista e dirigente di banca, senza esperienza nel settore dell’istruzione e che in passato si era fatto conoscere per aver sostenuto strane teorie del complotto. Tra le altre cose, sostiene che il crack, una droga derivata dalla cocaina, sia stato introdotto in Brasile come parte di un ampio complotto comunista per destabilizzare il paese.

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro (Photo by Andressa Anholete/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.