• Italia
  • lunedì 8 aprile 2019

L’arma dei carabinieri potrebbe costituirsi parte civile nel processo sulla morte di Stefano Cucchi

Lo ha fatto sapere il comandante Giovanni Nistri a Ilaria Cucchi consegnandole una lettera, scrive Repubblica

L’arma dei carabinieri potrebbe costituirsi parte civile nel processo sulla morte di Stefano Cucchi: lo scrive Repubblica, pubblicando una lettera del comandante generale dell’arma dei carabinieri Giovanni Nistri a Ilaria Cucchi, sorella del ragazzo romano trovato morto il 22 ottobre del 2009 in una stanza dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, dopo essere stato arrestato e picchiato.

Repubblica scrive che la lettera era stata consegnata a Ilaria Cucchi lo scorso 11 marzo dal generale Roberto Riccardi, portavoce di Nistri; nel farlo Riccardi le ha comunicato l’intenzione di Nistri di chiedere alla presidenza del Consiglio «l’autorizzazione a costituire l’arma parte civile nel processo per depistaggio ai suoi militari qualora nella richiesta di rinvio a giudizio appariranno evidenti le circostanze che la vedono parte lesa».

Nella lettera Nistri si impegna anche a procedere disciplinarmente nei confronti degli autori del pestaggio e delle calunnie (cinque carabinieri ora nel processo in Corte d’Assise) e degli otto accusati di depistaggio, per cui ci si attende che la procura chieda il rinvio a giudizio nelle prossime settimane.

Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi (ANSA/CLAUDIO PERI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.