La criticata ovovia sul Ponte di Calatrava a Venezia potrà essere smontata

La Corte dei Conti ha archiviato il procedimento per presunto danno erariale sull’installazione dell’ovovia per disabili sul ponte della Costituzione di Venezia, più noto come “ponte di Calatrava”, dal nome dell’architetto spagnolo che lo disegnò. Ora si potrà quindi procedere con lo smantellamento dell’ovovia, voluto da tempo dal sindaco Luigi Brugnaro per via dell’inutilità dell’infrastruttura: da quando è stata installata nel 2013, con una spesa di 1,8 milioni di euro, è stata usata pochissime volte. In pochi chiedono di usarla, è molto lenta e quando è stata usata ha avuto spesso dei problemi meccanici. In estate, sotto il sole, le temperature all’interno della cabina la rendono inutilizzabile.

La Corte dei Conti ha stabilito che la responsabilità dei costi della realizzazione dell’ovovia non sono dovute al comune di Venezia, ma al progettista dell’infrastruttura; il Comune potrebbe intentare una causa civile per chiedere un risarcimento danni. Sia l’ovovia che lo stesso ponte di Calatrava sono da sempre criticati per varie ragioni. L’ovovia fu installata perché il ponte costituiva una barriera architettonica per i disabili (oltre ad avere una serie di altri problemi che lo rendono scomodo per chiunque), ma dato che il ponte non era stato pensato per essere integrato con un sistema simile – Calatrava infatti si oppose – metterla in piedi fu molto complesso e costoso. Dato che non viene usata, il Comune ha da tempo reso gratuito il trasporto in vaporetto tra piazzale Roma e la stazione Santa Lucia per le persone disabili.

L'ovovia sul ponte disegnato da Santiago Calatrava a Venezia, l'11 novembre 2013 (ANSA/ ALBERTO BOCCANEGRA)