• Italia
  • giovedì 4 aprile 2019

Il Garante della privacy ha multato la piattaforma Rousseau di 50 mila euro

Il Garante della privacy ha multato la piattaforma Rousseau (il sito internet dove si tengono le votazioni degli iscritti al M5S) di 50 mila euro stabilendo che «non gode delle proprietà richieste a un sistema di e-voting», cioè di votazione online. In particolare, non garantisce «la protezione delle schede elettroniche e l’anonimato dei votanti in tutte le fasi del procedimento elettorale elettronico». L’istruttoria era stata aperta nell’agosto del 2017 e poi notificata nel gennaio 2018; da allora l’associazione ha adottato alcune modifiche per garantire maggiore libertà e segretezza di voto. Il garante però non le ha ritenute sufficienti ma ha aggiunto che «sono state evidenziate persistenti criticità».

Come funziona Rousseau

Luigi Di Maio, Beppe Grillo e Davide Casaleggio (ANSA/ANGELO CARCONI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.