• Mondo
  • mercoledì 3 aprile 2019

Il presidente dell’Ecuador ha accusato Julian Assange di aver violato ripetutamente le condizioni di asilo

Il presidente dell’Ecuador, Lenín Moreno, ha accusato il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, di aver violato ripetutamente le condizioni di asilo nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, dove Assange vive da quasi sette anni per evitare di essere arrestato dalle autorità svedesi e di essere estradato negli Stati Uniti. Moreno ha implicitamente accusato Assange di essere coinvolto nella sottrazione e diffusione sui social media di diverse sue foto private e personali, dove sono ritratti membri della sua famiglia e stanze della sua casa. Il presidente ha aggiunto che secondo quanto prevedono le regole di asilo concesso dal suo paese, «Assange non può mentire e tanto meno hackerare telefoni e account privati», e non può «intervenire nelle politiche di un paese, o peggio, di paesi amici».

A ottobre scorso Assange aveva tentato di fare causa all’Ecuador per il nuovo regolamento che gli era stato imposto come condizione per continuare il suo soggiorno all’interno dell’ambasciata ecuadoriana a Londra, che secondo Assange e i suoi legali violava i suoi diritti fondamentali. La causa era stata respinta da un giudice ecuadoriano.

(AP Photo/Frank Augstein)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.