• Italia
  • martedì 2 aprile 2019

La Corte dei Conti ha approvato i tre decreti interministeriali con cui sono state aggiornate le tariffe dei premi assicurativi sugli infortuni sul lavoro

La Corte dei Conti ha registrato i tre decreti interministeriali firmati dal Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, con cui sono state aggiornate le tariffe dei premi assicurativi sugli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, cioè gli importi da versare all’Inail in cambio della copertura assicurativa.

I tre decreti riguardano le «nuove tariffe dei premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali delle gestioni Industria, Artigianato, Terziario e Altre attività», la «nuova tariffa dei premi speciali unitari per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dei titolari di aziende artigiane, dei soci di società fra artigiani lavoratori, nonché dei familiari coadiuvanti del titolare» e la «nuova tariffa dei premi della gestione Navigazione». La revisione prevede fino a 1,7 miliardi di euro di tagli complessivi degli oneri finanziari per le aziende, con una riduzione del 32,72 per cento dei tassi medi. L’Inail sul suo sito specifica che nel nuovo sistema tariffario «il calcolo dell’oscillazione del tasso medio per andamento infortunistico tiene conto della gravità degli infortuni e non semplicemente degli oneri sostenuti dall’Istituto per indennizzarli».

Le voci tariffarie, che sono passate da 739 a 595, con l’eliminazione di quelle relative ad attività obsolete, saranno in vigore per tre anni, periodo al termine del quale il nuovo sistema sarà sottoposto a una verifica «rispetto alle trasformazioni, anche tecnologiche, del mondo produttivo e ai risultati attesi con la sua introduzione».

(ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.