È stato ritrovato un quadro di Picasso rubato 20 anni fa

È stato ritrovato un quadro di Pablo Picasso del valore di 25 milioni di euro che era stato rubato 20 anni fa. Il quadro si intitola Ritratto di Dora Maar, fu realizzato nel 1938 e rimase appeso nella casa di Picasso fino alla sua morte, nel 1973. Poi fu venduto e nel 1999 fu rubato dallo yacht di uno sceicco saudita ad Antibes, in Costa Azzurra.

L’autore del ritrovamento è il detective olandese Arthur Brand, soprannominato per i suoi successi “l’Indiana Jones del mondo dell’arte”. Nel 2015 Brand seppe che un Picasso era comparso nel mercato d’arte clandestino olandese, ma non era certo che si trattasse del ritratto a Dora Maar. Dopo quattro anni di indagini venne contattato dai rappresentanti di un uomo d’affari olandese che aveva comprato il quadro immaginando che si trattasse di una vendita legale. Dieci giorni fa i rappresentanti hanno consegnato il quadro a Brand, che lo ha fatto esaminare dagli esperti della Pace Gallery di New York, arrivati apposta ad Amsterdam da New York. Il dipinto è ora conservato da un’agenzia assicurativa che dovrà decidere cosa farne.

Non è raro che i quadri vengano rubati per intascare il riscatto delle agenzie assicurative: quello offerto nel 1999 dalla Lloyds superava i 400 mila euro. La CNN ha chiesto a Brand se ci fosse stata una ricompensa, ma non ha ottenuto risposta.

Arthur Brand con il Picasso rubato, 26 marzo 2019 (Arthur Brand via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.