• Mondo
  • giovedì 21 marzo 2019

Almeno 94 persone sono morte nell’affondamento di un traghetto sul fiume Tigri, nel nord dell’Iraq

Almeno 94 persone sono morte nell’affondamento di un traghetto sul fiume Tigri, nel nord dell’Iraq, vicino alla città di Mosul. La notizia è stata confermata dal ministero dell’Interno secondo cui sono state salvate 55 persone. Sul traghetto c’erano molte famiglie che stavano festeggiando il Nowruz, una ricorrenza che coincide con l’equinozio di primavera e con il nuovo anno curdo: si stavano dirigendo verso un luna park costruito su un’isola nel mezzo del fiume e inaugurato nel 2018.

Non si conoscono le cause dell’incidente, ma secondo AFP a bordo del traghetto c’erano molte più persone di quante potesse trasportarne: tra i morti, hanno detto i soccorritori, molti erano donne e bambini che non sapevano nuotare. Il primo ministro Adil Abdul-Mahdi ha proclamato tre giorni di lutto nazionale.

 

Un gruppo di persone sulle sponde del fiume Tigri, dove è affondato il traghetto (AP Photo/Farid Abdulwahed)
TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.