• Mondo
  • giovedì 21 marzo 2019

Il principale collaboratore di Juan Guaidó è stato arrestato dalla polizia venezuelana

Il principale collaboratore di Juan Guaidó, Roberto Marrero, è stato arrestato giovedì mattina dalla polizia venezuelana. La notizia è stata data dallo stesso Guaidó, il capo dell’opposizione al governo venezuelano di Nicolás Maduro che lo scorso gennaio – appoggiato dal parlamento – si è dichiarato legittimo presidente del paese. Guaidó ha detto che Marrero è stato arrestato durante una perquisizione della sua casa all’alba di giovedì e che nessuno al momento sa dove sia stato portato. La legittimità del governo Guaidó è stata riconosciuta da gran parte della comunità internazionale, che ha chiesto a Maduro di organizzare nuove elezioni presidenziali: per ora però il governo venezuelano non ha mostrato segni di debolezza ed è ancora sostenuto anche da Russia e Cina.

Juan Guaidó al concerto Venezuela Aid Live in Colombia (AP Photo/Fernando Vergara)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.