• mini

Anche nelle Fiandre ci sono i canali

E non solo nei Paesi Bassi: a luglio quelli di Gent si riempiono di luci per il Gentse Feesten, uno dei festival musicali fiamminghi

Un canale di Gent durante il Gentse Feesten, a luglio (VISITFLANDERS – Ente del Turismo delle Fiandre)

Quando si pensa al Nord Europa e ai canali viene in mente Amsterdam, nei Paesi Bassi. Ma anche nelle Fiandre, la regione del Belgio in cui non si parla francese ma una variante dell’olandese, le città sono percorse da canali. Ad esempio a Gent, la seconda più grande città della regione dopo Anversa, che ospita un porto fluviale collegato al mare del Nord: si trova alla confluenza dei fiumi Leie e Schelda, ma è unita alla costa olandese tramite il canale Gent-Terneuzen, lungo 32 chilometri, largo 140 metri e profondo circa 13. D’estate i canali di Gent e il Graslei e il Korenlei, le due principali banchine lungo il Leie, diventano importanti non solo per il trasporto delle merci, ma anche per la vita notturna, in particolare a luglio durante le Gentse Feesten, “Feste di Gent”, uno dei più frequentati festival musicali e teatrali europei: i riflessi dell’acqua aumentano lo spettacolo delle luci festive. Le Feste di Gent esistono dal 1843 e oggi mettono insieme diverse manifestazioni culturali; durano dieci giorni e ogni anno attraggono 1,7 milioni di spettatori.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.