• Mondo
  • venerdì 15 marzo 2019

La Corte Suprema del Connecticut ha stabilito che i familiari delle vittime della strage alla Sandy Hook possono fare causa all’azienda di armi Remington

Con 4 voti a favore e 3 contrari, la Corte Suprema del Connecticut ha stabilito che i familiari delle vittime della strage alla scuola elementare Sandy Hook di Newtown, in cui nel 2012 furono uccise 26 persone, possono fare causa all’azienda di armi Remington Outdoor Co., produttrice del fucile d’assalto AR-15 usato dallo sparatore Adam Lanza. La decisione della Corte Suprema ha ribaltato la sentenza emessa da un tribunale che aveva invece respinto la legittimità della causa legale: nello specifico, l’accusa a Remington è quella di aver usato delle pratiche di marketing aggressive che hanno violato le leggi a tutela dei consumatori del Connecticut, che vietano pubblicità «immorali e senza scrupoli». Ora la causa tornerà in tribunale, dove sarà valutata nel merito. È una sentenza che sta facendo arrabbiare i produttori di armi statunitensi, perché potrebbe diventare un precedente per cause simili in tutto il paese.

Fucili AR-15 esposti a una fiera in Virginia. (Alex Wong/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.