• Mondo
  • venerdì 15 marzo 2019

C’è preoccupazione per la possibilità che la nave cargo italiana Grande America, affondata al largo della Francia, possa riversare in mare il suo carico inquinante

C’è preoccupazione per la possibilità che la nave cargo italiana Grande America – affondata dopo un incendio a bordo scoppiato nella notte tra domenica e lunedì al largo delle coste occidentali della Francia, nel golfo di Biscaglia – possa riversare il suo carico inquinante in mare. La nave era partita dal porto di Amburgo, in Germania, ed era diretta a Casablanca, in Marocco, trasportando un carico di 365 container, 45 dei quali contengono materiale etichettato come “pericoloso”. L’equipaggio di 27 persone era stato evacuato e portato in salvo lunedì da squadre di salvataggio francesi e britanniche. Due giorni dopo che si era sviluppato l’incendio, la nave era affondata a 333 chilometri a ovest della città francese di La Rochelle, in Francia, dopo che i tentativi di spegnere l’incendio erano falliti. Ieri un aereo di sorveglianza ha individuato due chiazze di petrolio che si stanno allargando verso la costa francese, ma le condizioni meteorologiche rendono difficili le azioni di drenaggio e pulizia. La Francia ha chiesto anche l’aiuto dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima.

L'incendio sulla Grande America, poco prima che affondasse al largo della coste francesi. (Loic Bernardin/Marine Nationale via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.