• Italia
  • venerdì 15 marzo 2019

È morta Imane Fadil, una delle testimoni nel processo “Ruby Ter” contro Silvio Berlusconi

È morta Imane Fadil, 33 anni, una delle testimoni nel processo “Ruby Ter”, quello sulla presunta compravendita di testimonianze fatta da Silvio Berlusconi. Berlusconi è accusato di avere corrotto le donne che parteciparono ad alcune cene eleganti nella sua villa di Arcore, allo scopo di indurle a mentire nei processi “Ruby” e “Ruby bis”.

Fadil è morta l’1 marzo, ma la notizia è stata diffusa solo venerdì. Era ricoverata in ospedale da un mese, e secondo Repubblica aveva detto al suo avvocato di temere di essere stata avvelenata. La procura di Milano ha aperto un’inchiesta sulla sua morte e ha chiesto di eseguire l’autopsia sul suo corpo. Prima del ricovero, Fadil stava lavorando a un libro: la procura ne ha acquisito le bozze per l’indagine.

Imane Fadil durante un'udienza del processo Ruby Ter al palazzo di Giustizia di Milano, il 14 febbraio 2019. (LaPresse/ Mourad Balti Touati)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.