• Mondo
  • giovedì 14 marzo 2019

È stato ucciso a New York Francesco Cali, che si ritiene fosse il capo del clan dei Gambino

Il 13 marzo è stato ucciso a Staten Island, a New York, l’italoamericano Francesco Cali, anche noto con il nome “Frank Boy”, considerato il capo del clan Gambino, uno degli storici e più potenti clan della criminalità organizzata di New York. Cali (che secondo la polizia italiana si chiamava Calì, mentre secondo i registri delle carceri statunitensi si chiamava Cali, senza accento) aveva 53 anni ed è stato ucciso da colpi di arma da fuoco sparati da un’auto, le cui persone a bordo non sono per ora state fermate o identificate. Cali è morto in ospedale. I giornali americani scrivono che era dal 1985 che a New York non c’era un omicidio di un capo di un clan criminale. Si ritene che Cali fosse a capo dell’organizzazione criminale dal 2015, quando prese il posto di Domenico Cefalu.

Drew Angerer/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.