• Italia
  • mercoledì 13 marzo 2019

Il governo ha sciolto l’Azienda sanitaria di Reggio Calabria per infiltrazioni della ‘ndrangheta

Il 7 marzo il governo ha deciso di sciogliere l’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria per infiltrazioni della ‘ndrangheta su proposta del prefetto della città, Michele di Bari. L’Organo di direzione generale dell’azienda è stato sospeso e la gestione provvisoria dell’ente è stata affidata a una commissione straordinaria. Da mesi in Calabria si parlava dei problemi finanziari dell’Azienda sanitaria provinciale, che ha debiti per 200 milioni di euro.

(LaC TV/YouTube)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.