I miliardari d’Italia

Secondo Forbes sono 35, molti più di 10 anni fa: il più ricco è Giovanni Ferrero e ci sono molte persone il cui cognome è anche un marchio di moda

Il 5 marzo la rivista Forbes ha pubblicato la sua annuale classifica delle persone più ricche al mondo. Secondo l’analisi della rivista – che va presa comunque con cautela, visto che si occupa di cose complesse e che cambiano molto anche nel giro di pochi giorni – nel 2019 ci sono 2.153 miliardari, nel senso di persone con un patrimonio superiore al miliardo di dollari (vuol dire circa 900 milioni di euro). Sono 55 in meno rispetto all’anno scorso, ai primi tre posti ci sono i soliti Jeff Bezos, Bill Gates e Warren Buffet, e Kylie Jenner è la più giovane. L’agenzia AGI ha però fatto notare che, rispetto a dieci anni fa, ci sono molti più miliardari italiani: nel 2009 erano 12, ora sono 35. Quello messo meglio in classifica è Giovanni Ferrero, il più noto è senza dubbio Silvio Berlusconi. Poi, a scorrere la lista dei cognomi saltano fuori De Longhi, Prada, Caltagirone, Benetton, Bulgari e Della Valle, tra gli altri.

I miliardari italiani nella classifica di Forbes
Nomi e cognomi, posizione nella classifica mondiale, patrimonio stimato e qualche informazione. Una nota: in certi casi il nome e cognome è seguito dalla formula “e famiglia”, perché in certi casi è difficile dire cosa è di chi, e Forbes sceglie di cavarsela così.

Giovanni Ferrero: 39 – 22,4 miliardi di dollari
Ha 54 anni e guida l’omonima società di famiglia – la multinazionale di prodotti dolciari – per cui è stato amministratore delegato ed è ora presidente esecutivo.

Leonardo Del Vecchio e famiglia: 50- 19,8 miliardi
Ha 83 anni ed è il fondatore e presidente di Luxottica, oltre che il presidente esecutivo di EssilorLuxottica. Fondò la sua società a 25 anni.

Stefano Pessina: 107 – 12,4 miliardi
Ha 77 anni, è cittadino monegasco ed è amministratore delegato della Walgreens Boots Alliance, multinazionale americana della salute e del benessere che nel 2018 prese il posto della General Motors tra quelle considerate per il Dow Jones, il principale indice azionario della borsa di New York.

Giorgio Armani: 173 – 8,5 miliardi
Ha 84 anni e Forbes, che lo definisce «leggenda vivente» scrive che il suo successo iniziò dopo che disegnò gli abiti di Richard Gere per il film American Gigolò.

Massimiliana Landini Aleotti e famiglia: 198 – 7,4 miliardi
È la donna più ricca d’Italia e guida, insieme ai figli la società farmaceutica Menarini, le cui entrate annue sono superiori ai 4 milioni di dollari.

Augusto e Giorgio Perfetti: 244 – 6,5 miliardi
I due fratelli possiedono la Perfetti Van Melle, che fa – tra le tante altre cose – le Mentos. Forbes scrive che vivono in Svizzera e non guidano più l’azienda.

Silvio Berlusconi e famiglia: 257 – 6,3 miliardi
Ha 82 anni, siamo tutti almeno un po’ informati sulla sua storia e carriera e Forbes ricorda che ora vuole fare il parlamentare europeo.

Paolo e Gianfelice Mario Rocca 478 – 4,1 miliardi
Guidano la Technit, un conglomerato che controlla oltre cento società e fu fondata nel 1945 da Agostino Rocca, di cui sono nipoti.

Giuseppe De’Longhi & e famiglia: 546 – 3,8 miliardi
Ha 79 anni e i soldi qui sopra li ha fatti grazie alla società che porta il suo cognome ha sede a Treviso e fa, tra le altre cose, climatizzatori ed elettrodomestici.

Luca Garavoglia: 691 – 3,2 miliardi
Ha 50 anni, è figlio di Rosa Anna Magno Garavoglia e secondo le stime di Forbes controlla il 27 per cento della Campari.

Patrizio Bertelli: 804 – 2,8 miliardi
Ha 78 anni ed è amministratore delegato del gruppo Prada insieme alla moglie Miuccia Prada. Lui si occupa della parte amministrativa e lei, che è alla guida dell’azienda dal 1978, di quella creativa.

Miuccia Prada: 804 – 2,8 miliardi
Ha 70 anni ed è, con il marito Patrizio Bertelli, amministratrice delegata del gruppo di famiglia che esiste dal 1913. Lei lo guida dal 1978 e lo ha reso una delle più apprezzate aziende di moda al mondo, partendo dagli zainetti in nylon del 1985 e dalla prima collezione femminile del 1998.

Piero Ferrari: 838 – 2,7 miliardi
Ha 73 anni ed è figlio di Enzo Ferrari, il fondatore della casa automobilistica di Maranello, di cui è vice presidente e di cui controlla circa il dieci per cento.

Luciano Benetton: 877 – 2,6 miliardi
È il primogenito dei quattro fratelli Benetton – gli altri sono Gilberto, Carlo, Giuliana – che nel 1965 fondarono l’azienda di abbigliamento Benetton, che ebbe subito grande successo diventando famosa in tutto il mondo e consentendo alla famiglia di investire anche in altri settori.

Giuliana Benetton: 877 – 2,6 miliardi
Ha 81 anni ed è tra i fondatori della Benetton, che esiste dal 1965.

Gustavo Denegri: 877 – 2,6 miliardi
Ha 82 anni ed è presidente della DiaSorin, che si occupa di diagnostica molecolare e immunodiagnostica.

Ennio Doris e famiglia: 877 – 2,6 miliardi
È nato nel 1940, è il presidente di Banca Mediolanum e, tra le tante altre cose, potreste averlo visto nella famosa pubblicità («costruita intorno a te»).

Francesco Gaetano Caltagirone: 916 – 2,5 miliardi
Ha 76 anni, è un imprenditore edile con diversi interessi nell’attività editoriale.

Renzo Rosso e famiglia: 916 – 2,5 miliardi
È il fondatore di Diesel e il presidente del gruppo di abbigliamento OTB (Only The Brave), che ha costruito dal 2002: controlla importanti aziende internazionali come Maison Margiela, Marni, Paula Cademartori, Viktor & Rolf. Di recente ha comprato la squadra di calcio di Vicenza.

Remo Ruffini: 1057 – 2,2 miliardi
Dal 2003 è il presidente e il direttore creativo di Moncler, l’azienda che ha reso famosa in tutto il mondo per i piumini; l’azienda è quotata in borsa e Ruffini ne possiede il 20 per cento.

Luigi Rovati e famiglia: 1116 – 2,1 miliardi
Nel 1961 fondò a Monza l’azienda farmaceutica Rottapharm, che vendette nel 2014 alla società svedese Meda.

Maria Franca Fissolo: 1227 – 1,9 miliardi
È vedova di Michele Ferrero, figlio del fondatore della Ferrero, morto nel 2015, ma non si occupa della gestione dell’azienda.

Sandro Veronesi e famiglia: 1281 – 1,8 miliardi
È presidente di Calzedonia, fondata a Verona nel 1986.

Brunello Cuccinelli e famiglia: 1425 – 1,6 miliardi
“Il re del cashmere”, scrive Forbes. È nato nel 1953 ed è il fondatore dell’azienda di moda che porta il suo cognome.

Massimo Moratti: 1425 – 1,6 miliardi
Ha 73 anni, è l’ex presidente dell’Inter ed è presidente della Saras, azienda petrolifera fondata dal padre Angelo.

Mario Moretti Polegato e famiglia: 1425 – 1,6 miliardi
Ha 66 anni e nel 1995 fondò Geox, il marchio di scarpe.

Luigi Cremonini e famiglia: 1511 – 1,5 miliardi
Ha 79 anni e guida il Gruppo Cremonini, che dà lavoro a più di 16mila persone e, scrive Forbes, «fornisce carne ai McDonalds e ai Burger King italiani e di altri paesi».

Nicola Bulgari: 1605 – 1,4 miliardi
È il vicepresidente della famosa gioielleria Bulgari, fondata dal suo bisnonno.

Diego Della Valle: 1605 – 1,4 miliardi
È nato nel 1953, ed è azionista di maggioranza di Hogan e Tod’s, oltre ad avere quote in Nuovo Trasporto Viaggiatori (Italo), che contribuì a fondare nel 2006.

Barbara Benetton: 1717 – 1,3 miliardi / Sabrina Benetton: 1717 – 1,3 miliardi
Sono figlie di Gilberto Benetton, che fondo la società insieme ai fratelli Carlo, Luciana e Giuliana.

Manfredi Lefebvre d’Ovidio: 1717 – 1,3 miliardi
Ha 65 anni ed è presidente della compagnia di navigazione Silversea Cruise, fondata nel 1994.

Paolo Bulgari: 1818 – 1,2 miliardi
È fratello di Nicola, di cui abbiamo parlato qualche riga sopra.

Alberto Prada: 1818 – 1,2 miliardi / Marina Prada: 1818 – 1,2 miliardi
Alberto e Marina Prada sono i fratelli di Minuccia Prada; non sono coinvolti nell’attività di famiglia ma possiedono il 12 per cento delle quote

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.