• Italia
  • venerdì 8 marzo 2019

È finito lo sciopero del più grande magazzino di libri italiano

È finito lo sciopero del più grande magazzino di libri italiano, la cosiddetta “Città dei libri” di Stradella, in provincia di Pavia, che per sei giorni ha impedito a gran parte delle librerie d’Italia di ricevere nuovi libri. Nella notte tra giovedì e venerdì è stato raggiunto un accordo tra CEVA Logistics, l’azienda internazionale che gestisce il magazzino, e il consorzio GSL, per cui lavorano gli operai impiegati nel magazzino. L’accordo riguarda il riconoscimento dei livelli di inquadramento (che erano bloccati da tempo) e delle malattie gravi, oltre alla riconferma dei posti di lavoro precari. Qui sono spiegate le ragioni dello sciopero e le conseguenze che ha avuto per librerie ed editori.

Il magazzino di Stradella visto da fuori, su Google Maps

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.