Il Blockbuster di Bend, in Oregon (Ryan Brennecke/Bulletin photo)

Come fa a sopravvivere l’ultimo Blockbuster del mondo

È in un posto particolare, e questo aiuta, e poi è appunto "l'ultimo Blockbuster del mondo"

Il Blockbuster di Bend, in Oregon (Ryan Brennecke/Bulletin photo)

Quello che già da alcuni mesi era diventato l’ultimo Blockbuster degli Stati Uniti, ora è di fatto diventato anche l’ultimo del mondo. Giovedì, infatti, anche l’altro Blockbuster rimasto in attività, in Australia, ha smesso di noleggiare DVD e videocassette: chiuderà del tutto a fine mese. A quel punto, dei più di 9.000 negozi Blockbuster che esistevano nel 2004 – al massimo dell’espansione della catena – resterà solo quello di Bend, in Oregon, stretto tra un negozio che vende cannabis legale e un crematorio per animali, ma con affari che vanno ancora molto bene.

Il New York Times ha provato a capire come sia possibile che il Blockbuster di Bend sia ancora aperto, quando tutti gli altri al mondo sono chiusi (l’ultimo, in Italia, ha chiuso nel 2012) e quando è sempre più difficile trovare qualcuno che noleggi o compri DVD e videocassette, nel 2019. La prima ragione, la più concreta, è legata al posto in cui si trova il negozio: una regione con una bassissima densità abitativa e dove, per questa ragione, in molte case non arrivano i cavi per internet ad alta velocità, che è il principale fattore tra quelli che hanno portato al fallimento di Blockbuster. Non potendo guardare film in streaming e non potendo scaricarli con facilità, molti abitanti della zona di Bend fanno ancora come facevano quasi tutti fino a una decina di anni fa: vanno a noleggiare un film in DVD.

Il negozio di Bend, ha spiegato il New York Times, ha ancora 4.000 clienti attivi e continua ad averne di nuovi ogni giorno. Alcuni di loro, ha spiegato la direttrice del negozio Sandi Harding, arrivano al negozio proprio per la caratteristica che lo ha reso molto famoso negli ultimi mesi, essere l’ultimo rimasto. Questo è probabilmente il secondo motivo per cui il negozio di Bend è ancora aperto: è diventato una sorta di attrazione turistica per nostalgici degli anni Novanta, quando “andare da Blockbuster” era una cosa comune come andare a fare la spesa.

Quando ha saputo che il suo negozio sarebbe diventato l’ultimo al mondo, Harding ha detto di essere «molto emozionata». Nel suo negozio Harding vende tantissimi prodotti con il marchio “Blockbuster”, pensati apposta per i nostalgici: magliette, cappellini, spillette e anche una birra prodotta da un birrificio locale chiamata “l’ultimo Blockbuster”. Ed è per nostalgici anche la musichetta che ha sentito dalla cornetta la giornalista del New York Times che per diverse ore è rimasta in attesa al telefono aspettando di parlare con Harding, quella dell’inizio di Star Wars.

Sulla storia del negozio di Bend nei prossimi mesi dovrebbe uscire un documentario, prodotto da due registi che hanno raccolto quasi 40.000 dollari su Kickstarter per poterlo realizzare. Il negozio, che fa parte di Blockbuster dal 2000, ha ancora una licenza con la società che controlla il marchio “Blockbuster”, che rinnova ogni anno, e ha ancora diversi anni di contratto per l’affitti dei locali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.