• Italia
  • venerdì 1 marzo 2019

La donna che a Predappio indossò una maglietta con scritto “Auschwitzland” è stata condannata a pagare una multa di 9.050 euro

La donna che lo scorso ottobre, durante una manifestazione fascista a Predappio, indossò una maglietta con scritto “Auschwitzland” è stata condannata dal tribunale di Forlì a 4 mesi di reclusione, pena poi convertita in una multa di 9.050 euro. Lo ha scritto l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani (ANPI), che aveva denunciato la donna – Selene Ticchi – per apologia del fascismo. Ticchi stava partecipando a una manifestazione fascista per l’anniversario della marcia su Roma, indossando una maglietta che imitava il logo del parco divertimenti di Disneyland, sostituito da un disegno dell’entrata principale del campo di concentramento polacco dove i nazisti uccisero oltre un milione di persone, per la stragrande maggioranza ebree.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.