Gli 8 candidati all’Oscar per il Miglior film

Le cose minime da sapere per arrivare preparati alla premiazione di questa notte

("Green Book")

Questa notte a Los Angeles, negli Stati Uniti, si terrà la 91ª edizione degli Oscar, i più noti premi di cinema al mondo. Nella categoria più importante, quella per il miglior film, sono stati nominati A Star is Born, BlacKkKlansman, Black Panther, Bohemian Rhapsody, La favorita, Green Book, Roma e Vice. Qui avanti trovate le cose minime da sapere sui film candidati, molti dei quali si sono presi alcune altre importanti nomination, per arrivare preparati alla premiazione anche se non li avete ancora visti.

A Star is Born
(8 nomination: Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior attrice protagonista, Miglior canzone, Miglior sceneggiatura non originale, Miglior fotografia, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio sonoro)

È il primo film da regista di Bradley Cooper e il primo da attrice protagonista di Lady Gaga, nome d’arte della cantante Stefani Joanne Angelina Germanotta. Cooper, che è anche attore, interpreta un musicista country con molti problemi che decide di aiutare una giovane cameriera ad avere successo nel mondo della musica. È la quarta versione di una storia che era già diventata film nel 1937, nel 1954 e nel 1976. La canzone candidata all’Oscar è “Shallow”.

È uscito in Italia nell’ottobre 2018.


BlacKkKlansman
(6 nomination: Miglior film, Miglior regia, Miglior sceneggiatura non originale, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio, Miglior colonna sonora originale)

Il regista è Spike Lee ed è un film ispirato a una storia vera, raccontata nel libro Black Klansman. Libro e film parlano di un poliziotto nero e di un poliziotto ebreo che negli anni Settanta, in Colorado, si infiltrarono nel Ku Klux Klan. I due poliziotti sono interpretati da John David Washington e Adam Driver. Per Spike Lee si tratta della prima nomination come miglior regista.

È uscito in Italia a settembre.

Black Panther
(7 nomination: Miglior film, Miglior canzone, Miglior scenografia, Migliori costumi, Miglior colonna sonora originale, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro)

È il diciottesimo film dell’Universo cinematografico Marvel e l’ha diretto Ryan Coogler, il regista di Creed – Nato per combattere. Parla del principe dello stato africano del Wakanda ed è stato il film Marvel più apprezzato dai critici. Il protagonista, Black Panther, è interpretato da Chadwick Boseman, ma nel cast del film ci sono anche Lupita Nyong’o, Martin Freeman, Forest Whitaker e Andy Serkis. Black Panther è il primo film di supereroi a essere stato candidato all’Oscar per il Miglior film.

È uscito in Italia nel febbraio 2018.

Bohemian Rhapsody
(5 nomination: Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior montaggio, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro)

È il film sui Queen e in particolare su Freddie Mercury, celebre cantante della band che nel film è interpretato da Rami Malek. Iniziò a dirigerlo Brian Singer (che per questioni tecniche ne risulta ancora come regista) ma il film è stato completato da Dexter Fletcher, dopo che Singer fu licenziato. È il film che nel 2018 ha incassato di più in Italia.

È uscito il 30 novembre.

La favorita
(10 nomination: Miglior Film, Miglior regia, Miglior attrice protagonista, Miglior sceneggiatura originale, Miglior scenografia, Miglior fotografia, due candidature per la Miglior attrice non protagonista, Migliori costumi, Miglior montaggio)

È ambientato in Inghilterra all’inizio del Diciottesimo secolo, al tempo della guerra tra Francia e Inghilterra. Quando la regina era Anna ma a governare davvero era la sua amica Lady Sarah. Emma Stone interpreta una nuova cameriera che arriva e inizia a passare sempre più tempo con la regina, interpretata da Olivia Colman. Il regista è Yorgos Lanthimos, noto per aver diretto Il sacrificio del cervo sacro e The Lobster.

È uscito in Italia il 24 gennaio.

Green Book
(5 nomination: Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura originale, Miglior attore non protagonista, Miglior montaggio)

Il regista è Peter Farrelly, noto per film come Scemo & più scemo e Tutti pazzi per Mary. Green Book è tratto da una storia vera e parla dell’amicizia tra un buttafuori/autista italoamericano e il pianista jazz Don Shirley, che deve fare un tour nel sud degli Stati Uniti negli anni Sessanta. Sono interpretati da Viggo Mortensen e Mahershala Ali.

È uscito in Italia il 31 gennaio.

Roma
(10 nomination: Miglior film, Miglior regia, Miglior attrice protagonista, Miglior film straniero, Miglior sceneggiatura originale, Miglior scenografia, Miglior fotografia, Miglior attrice non protagonista, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro)

È un film messicano, è in bianco e nero e ha molti attori non professionisti. Parla di una famiglia messicana degli anni Settanta che vive a Colonia Roma, un quartiere di Città del Messico, e lo fa attraverso il punto di vista di Cleo, la domestica e tata della famiglia. Alfonso Cuarón è stato personalmente nominato come produttore, regista, sceneggiatore e direttore della fotografia del film.

È su Netflix dal 14 dicembre.

Vice – L’uomo nell’ombra
(8 nomination: Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura originale, Miglior trucco e acconciature, Miglior attore non protagonista, Miglior attrice non protagonista, Miglior montaggio)

L’ha diretto Adam McKay, il regista di La grande scommessa e parla di Dick Cheney, vicepresidente degli Stati Uniti quando il presidente era George W. Bush. Cheney, uno dei vicepresidenti più influenti della storia recente americana, è interpretato da Christian Bale, mentre nel film ci sono anche Amy Adams, Steve Carell e Sam Rockwell, che interpreta George W. Bush.

È uscito in Italia il 3 gennaio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.