• Mondo
  • domenica 24 Febbraio 2019

In India le persone morte per l’ultimo caso di avvelenamento da liquore tossico sono 156

Ma il bilancio finale potrebbe essere ancora più grave: la polizia ha arrestato dieci persone

È salito a 156 il numero di persone morte nel nordest dell’India per aver bevuto liquore tossico prodotto illegalmente (ci si aspetta un bilancio finale ancora più grave). Tutte le persone coinvolte lavoravano in piantagioni di tè nei distretti di Golaghat e Jorhat: al momento si contano circa altre 200 persone ricoverate. Tutte hanno riscontrato sintomi simili in seguito all’ingestione del liquore: mal di stomaco, vomito, difficoltà a respirare e forti dolori alla testa. La polizia ha arrestato dieci persone, sospettate di avere a che fare con la produzione di alcol di contrabbando.

La notizia è arrivata pochi giorni dopo quella della morte di circa 100 persone negli stati dell’Uttar Pradesh e dell’Uttarakhand, che avevano bevuto liquore prodotto artigianalmente a cui era stato aggiunto metanolo, ma casi del genere non sono rari in India: il più grave fu nel 2011, quando nel Bengala occidentale morirono 172 persone a causa dell’ingestione di liquore prodotto con il metanolo.

(AP Photo/STR)