• Mondo
  • sabato 23 febbraio 2019

Nel Kashmir indiano sono stati arrestati più di 100 separatisti

Le forze di sicurezza indiane hanno arrestato più di 100 separatisti nel Kashmir, tra cui diversi membri di Jamaat-e-Islami, gruppo islamista che vuole l’indipendenza della regione dall’India. Gli arresti, che hanno provocato l’inizio di scontri tra manifestanti e polizia in diverse parti del Kashmir, sono stati compiuti nove giorni dopo il grave attentato suicida che aveva ucciso almeno 40 militari indiani vicino alla città di Pampore: l’attentato era stato rivendicato dal gruppo islamista e separatista Jaish-e-Mohammed.

Cosa sta succedendo in Kashmir

Militare indiano a Srinagar, in Kashmir (AP Photo/ Dar Yasin)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.