• Cultura
  • mercoledì 20 febbraio 2019

I finalisti del World Press Photo 2019

Tutte le foto che potrebbero vincere il più importante premio di fotogiornalismo al mondo

Sono stati annunciati i finalisti della 62esima edizione del World Press Photo (WPP), il più importante concorso di fotogiornalismo al mondo, organizzato dall’omonima fondazione olandese dal 1955. Come l’anno scorso, sono stati presentati tutti i finalisti e non direttamente i vincitori (come accadeva negli anni passati), che saranno invece annunciati il prossimo 11 aprile in un’apposita cerimonia ad Amsterdam.

La novità di quest’anno è l’introduzione di un nuovo premio, quello per il World Press Photo Story of the Year, che premia il fotografo “la cui creatività visiva e abilità hanno prodotto una storia con eccellenti editing e sequenza fotografici, su un grande evento o una questione di rilevanza giornalistica del 2018”. Tra i tre finalisti per questo premio ci sono due italiani dell’agenzia Contrasto: Marco Gualazzini, con un reportage sulla crisi nel bacino del Ciad, e Lorenzo Tugnoli, con un lavoro realizzato per il Washington Post sulla crisi in Yemen. Il terzo candidato è Pieter Ten Hoopen con un lavoro sulla carovana dei migranti diretta negli Stati Uniti.

(Avvertiamo: le gallery contengono alcune immagini impressionanti)

Marco Gualazzini è tra i finalisti anche per il World Press Photo of The Year, il premio storicamente più importante, con la foto di un ragazzo scattata sempre per il lavoro sul bacino del Ciad. Gli altri cinque nominati sono: Mohammed Badra, con una foto di persone in cura dopo un presunto attacco con il gas in Siria; Catalina Martin-Chico, che ha ritratto una donna delle FARC incinta; Chris McGrath con una foto sull’omicidio di Jamal Khashoggi; John Moore con l’ormai famosa foto della bambina che piange mentre sua madre viene perquisita da un agente alla frontiera tra Messico e Stati Uniti; e infine Brent Stirton, che ha fotografato un membro di un’unità femminile antibracconaggio femminile in Zimbabwe.

Per selezionare i vincitori, i giudici hanno esaminato 78.801 fotografie di 4.738 fotografi da 129 paesi diversi. Tra le foto che sono state presentate oggi, oltre ai candidati per il World Press Photo of the Year e il World Press Photo Story of the Year, i premi principali, sono stati annunciati anche i tre finalisti per ciascuna delle otto categorie del concorso.

La giuria generale del premio cambia a ogni edizione e quest’anno è presieduta da Whitney C. Johnson, vicepresidente della sezione del National Geographic che si occupa di contenuti visivi. Con lei ne facevano parte il fotografo Neil Aldridge, la curatrice Yumi Goto, il fotografo di Getty Images Nana Kofi Acquah, Paul Moakley, responsabile dei progetti speciali di TIME, la fotogiornalista Alice Martins e la fotogiornalista di Associated Press Maye-e Wong.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.