• Mondo
  • mercoledì 13 febbraio 2019

Il parlamento spagnolo ha bocciato la legge di bilancio del governo Sánchez

Il parlamento spagnolo ha bocciato la proposta di legge di bilancio per il 2019 del governo socialista di Pedro Sánchez. 191 deputati hanno votato contro la proposta di legge, 158 hanno votato a favore. È probabile che ora Sánchez decida di indire elezioni anticipate, non potendo più contare sulla maggioranza parlamentare. Il governo Sánchez – in carica da meno di un anno – può contare solo su 84 parlamentari del Partito socialista spagnolo (PSOE) su 350 totali ed era stato fino ad oggi sostenuto anche dai voti di Podemos e da quelli degli indipendentisti catalani, sia Esquerra Republicana (ERC, di sinistra) che il PDeCAT (di centrodestra, il partito dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont). I due partiti catalani, però, oggi hanno votato con l’opposizione, dopo che Sánchez si era rifiutato di fare nuove promesse e concessioni sull’indipendenza della Catalogna.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.