• Mondo
  • sabato 9 Febbraio 2019

L’imprenditore britannico Philip Green è stato accusato di abusi sessuali e razzismo verso i suoi dipendenti

Il ricco imprenditore britannico Philip Green – proprietario di alcune delle più famose catene di negozi del Regno unito – è stato accusato di abusi sessuali e razzismo verso i suoi dipendenti. Le accuse sono contenute in un articolo del Telegraph pubblicato venerdì sera dopo che era stata sospesa l’ingiunzione chiesta da Green per evitarne la pubblicazione. Green, che è uno degli uomini più ricchi del Regno Unito, è accusato di aver per anni insultato, minacciato e abusato i suoi dipendenti, e di aver in molti casi acconsentito a pagare enormi somme di denaro affinché non rivelassero quanto accaduto. Green ha negato le accuse.

Philip Green (Getty Images)